Chiudi
We use cookies to improve your experience on this website. By continuing to browse our site you agree to our Privacy policy.
UNLEASH YOUR PASSION. READ WITHOUT LIMITS.

REQUEST YOUR INVITATION

Bookolico is the first Italian platform for ebooks streaming reading: buy a subscription and read all the books you like without limits!

Try our service now!

picture
picture

READ WITH YOUR FRIENDS

Share what you are reading with your friends, give them your feedbacks and ask for their suggestions about the next book that you could read. Follow your favorite authors and publishers and keep yourself updated on latest releases.

BOOKS BEING BROWSED THROUGH NOW ON BOOKOLICO

Fenomenologia di You Porn
Ormai siamo abituati alla virtualità, ai rapporti umani via social network, via chat. Ma come è cambiato il rapporto con il sesso “virtuale”, dai giornaletti alla rete? La tecnologia ha liberato un oceano di materiale, potenzialmente infinito per quantità e scelta di generi. E tutto, o quasi, gratis. Tutto è lì, sempre disponibile, sui nostri schermi, sui nostri iPad e smartphone, nelle nostre camerette di adulti di tutte le età. Questa estrema accessibilità ha reso tutto “normale”, cambia le abitudini, specialmente dei più giovani, nati con la rete. Cambia l’immaginario di tutti, e può sfociare in dipendenza, in patologia, in consumo compulsivo da curare. La verve di Sgambati e degli altri scrittori che ha coinvolto ci impediscono di prenderci troppo sul serio, anche se le riflessioni proposte, sul sesso e sulla sua rappresentazione, sono ricche di riferimenti “alti”, a partire da Umberto Eco, a cui si ispira il titolo del libro (Fenomenologia di Mike Bongiorno). Il libro ripercorre alcune tappe di questa “liberazione della pornografia attraverso il mouse”, e ci porta dritto al punto, pur senza azzardare alcun giudizio morale: una fotografia molto divertita del genere umano, solo davanti a uno schermo azzurrino, alle prese con la (magra) consolazione di se stesso. Ma senza rimorsi, rimpianti e sensi di colpa. Siamo tutti pornomani?
Fenomenologia di You Porn
Il play è stato assassinato
La storia di una star del basket americano, dalla sua nascita al culmine della sua carriera, è raccontata in prima persona, mentre il suo corpo viene ritrovato senza vita, la mattina di Natale, nella camera di un albergo di lusso a Bologna. Così, mentre in un disagiato quartiere americano un ragazzino cresce a strappi di felicità e mancanze, giornalisti e investigatori seguono varie piste. Nell’industria commerciale ed emotiva che poggiava su quel talento, si cerca il movente dell’omicidio. Chi era quella notte nell’albergo?
Il play è stato assassinato
Editing
Editare significa “rivedere (un testo) per la stampa; fare l'editing di”. E si dice spesso che l'editing possa fare (o disfare) la riuscita di un testo. Ma di cosa si tratta, nello specifico? E che lavoro esattamente svolge un editor? Questo volumetto ci spiega come, concretamente, l'editing può aiutarci a migliorare la nostra opera, aiutandoci a illuminare i tranelli insiti nel testo ed evidenziare i suoi punti di forza. Scrivere infatti non è solo ortografia o ispirazione: è un mestiere. E se vuoi imparare a scrivere i maestri sono importanti! Per questo Feltrinelli, in collaborazione con Scuola Holden, ha creato Zoom Academy: piccoli eBook che accompagnano chi ama scrivere alla scoperta dei ferri del mestiere: per riuscire a trascrivere il proprio cuore e la propria mente nero su bianco.
Editing
Atlante delle mafie (vol 2)
I saggi del secondo volume dell’Atlante delle mafie coprono un ampio spettro di problemi: le descrizioni delle rappresentanze territoriali delle mafie nel Centro e nel Nord, uno studio sulla Basilicata, il racconto delle mafie fatte da alcuni giornali, Tv e magistrati, ed altri temi che comprendono i movimenti antimafia, il cosiddetto «partito della mafia», il riciclaggio, le donne. Sono spaccati che consentono di penetrare ambiti nuovi o già conosciuti, ma riletti con un’ottica nuova, per comprendere le «ragioni di un successo», preoccupazione analitica che continua a caratterizzare la scelta dei testi ospitati in questa seconda pubblicazione. Il saggio introduttivo dei curatori, in particolare, si sofferma sul fatto che il successo delle mafie anche nelle regioni del Centro-Nord obbliga a rivedere i canoni interpretativi con cui l’opinione pubblica nazionale ha seguito l’evoluzione dei fenomeni mafiosi, partendo dal convincimento che non sarebbe seria oggi una storia delle mafie senza includere ciò che è avvenuto negli ultimi trent’anni in quei territori dove il fenomeno delle infiltrazioni mafiose «è giudiziariamente quasi inesistente», almeno secondo le risultanze giudiziarie di quelle regioni. L’uso della violenza nelle relazioni sociali ed economiche, o l’affidarsi ad essa per conseguire vantaggi e competere sul mercato, non è un problema solo della società, dell’economia e della politica meridionali, ma si è trasformato in un problema dell’intera nazione. C’è consapevolezza di ciò nelle classi dirigenti italiane? C’è consapevolezza, insomma, che una parte sempre più crescente del Paese accetta che settori della nostra economia siano regolati anche dalla violenza mafiosa? Le interpretazioni criminal-razziste che hanno prevalso finora nelle regioni del Centro-Nord, in base alle quali in società «virtuose», laboriose, ricche e civili mai si sarebbero radicati fenomeni mafiosi tipici di territori arretrati e di mentalità «contigue», sono state clamorosamente smentite e rappresentano nei fatti una delle cause principali del ritardo con cui si sta facendo fronte a questa sconvolgente novità. Le differenze tra Nord e Sud, da sempre al centro del dibattito e dello scontro politico e culturale italiano, non si sono dimostrate così forti e irreversibili da impedire un tale radicamento delle mafie anche in territori ed economie che sembravano non «predisposte» ad un tale esito. Proprio questa novità dovrebbe sgombrare il campo in particolare da quel teorema in base al quale le mafie non avrebbero potuto sopravvivere senza il loro territorio d’origine, cioè fuori dai luoghi dove sono nate. Sulla buona accoglienza delle mafie anche in società considerate amafiose, l’Italia sembra più unita di quanto le «distanze storiche» economiche e civili lasciavano presupporre. Questo secondo volume ci mette davanti a questo dato in tutta la sua impressionante evidenza.
Atlante delle mafie (vol 2)
Storia della natura d'Italia
"l'Italia ha una storia straordinaria anche dal punto di vista naturale e paesaggistico. Questo libro ne descrive la varietà e ne segue le infinite modificazioni, a partire dall'ultima glaciazione otto millenni prima dell'era cristiana, per poi percorrere le vicende dell'interazione tra uomo e natura fino ai nostri giorni. In ogni epoca, da quella romana al Medioevo, al Rinascimento all'avvento dell'industria, l'uomo ha infatti stabilito un diverso rapporto con il paesaggio. Riccamente illustrato, attento al dettaglio suggestivo e significativo, ma capace di costruire un quadro globale, questo volume ci restituisce il fascino di uno storia che ci riguarda profondamente, ma che conosciamo troppo poco."
Storia della natura d'Italia
Storia delle nuvole
Il libro prende l’avvio dall’ipotesi nebulare di Kant-Laplace sull’origine del mondo a partire da una nuvola e si conclude con tre ipotesi letterarie sulla fine del mondo collegata a una nuvola. Nel volume si affiancano due percorsi: un itinerario cronologico, mediante il quale si ricostruisce la “storia culturale” delle nuvole da Talete a Don DeLillo; un “tracciato” tematico in cui si affrontano una serie di questioni associate alle nuvole e di rilevanza solo marginalmente meteorologica (la forma delle nuvole e le possibili tassonomie che questa implica, le nuvole e i terremoti, le nuvole e i demoni, le nuvole “terrestri”). Viste “da vicino”, le nuvole mostrano la loro ambivalenza costitutiva: da un lato rinviano a un modo d’essere distratto e stralunato, lontano dalla realtà ordinaria, ma dall’altro pongono l’uomo proprio di fronte a quella realtà dalla quale sembrerebbero distoglierlo. Come il dio della filosofia eraclitea le nuvole sono duplici, non temono la contraddizione, sopportano gli opposti. Alla fine, siano esse le minacciose nubi dell’apocalisse o l’oggetto di sublimi immaginazioni poetiche, le nuvole è di noi che “parlano”.
Storia delle nuvole

BOOKOLICO IN 5 POINTS

SEARCH

Look for the next book to read

BROWSE

Find out our latests releases

COLLECT

Keep your library updated and bring books you love always with your

TELL ABOUT YOU

Share your taste by rating and commenting books

FOLLOW UP

keep yourself updated on your friends’ and favorite authors and publishers’ activities


GET YOUR INVITATION

In this moment, 150 readers are testing our app for iPad in advance.
You wanna be among our first users? Ready for a new reading experience?

Try Bookolico now

email Request your invitation